Unicredit copre crediti a rischio e va in rosso di 14 miliardi. Taglierà 8.500 dipendenti

unicredit-640

La rivalutazione delle quote di Bankitalia non basta a Unicredit che, nonostante gli 1,4 miliardi di profitto realizzato con l’operazione, ha chiuso il 2013 con perdite record per 14 miliardi di euro dopo aver effettuato nuovi accantonamenti su prestiti a rischio per 13,7 miliardi di euro (+46,8% anno su anno). Il 2012 si era invece chiuso in utile per 865 milioni di euro. La perdita nel quarto trimestre è di 15 miliardi con accantonamenti su crediti per 9,3 miliardi. Il rapporto di copertura dei prestiti di difficile riscossione del gruppo è salito al 52%, tornando a valori pre-crisi (2008).

A fronte dell’andamento del gruppo, però, il piano strategico della banca prevede l’ennesimo massiccio taglio di dipendenti: dal gruppo bancario usciranno 8.500 persone entro il 2018. Di questi 5.700 saranno in Italia. Per quanto riguarda il beneficio contabile registrato con la rivalutazione del 22% di Bankitalia, in seguito al via libera della Consob, Unicredit l’ha messo in bilancio nonostante le perplessità della vigilanza Ue, l’Esma. Ma se al termine degli approfondimenti in corso da parte della autorità emergerà che la valutazione andrà fatta a patrimonio netto (e non in conto economico), la perdita netta di gruppo sarà più elevata di 1,2 miliardi nel trimestre e nell’intero anno.

La situazione, in ogni caso, non impedirà agli azionisti della banca di incassare un dividendo: all’assemblea annuale degli azionisti, il cda di Unicredit proporrà il pagamento di un dividendo dariserve di utili di 10 centesimi di euro per azioni mediante attribuzione di azioni Unicredit di nuova emissione oppure, su specifica richiesta degli azionisti, mediante versamento in contanti. La data di stacco del dividendo stabilita è il 19 maggio 2014, la data di registrazione è fissata per il 21 maggio e la data di pagamento è fissata per il 6 giugno 2014.

Sui conti hanno inciso anche i rimborsi dei prestiti ricevuti dalla Bce con le aste a tasso agevolato del 2011-2012. In particolare Unicredit all’inizio di novembre ha rimborsato un miliardo di fondi Ltro e altri due miliardi in dicembre, per un totale di circa 5 miliardi restituiti in un anno. L’importo ancora dovuto alla Banca Centrale di Mario Draghi è ora sceso a circa 21 miliardi.

Per il futuro il piano dell’ad Federico Ghizzoni dopo le pulizie prevede la generazione di 2 miliardi di euro di utili nel 2014, valore che dovrebbe salire fino a 6,6 miliardi nel 2018. Da qui al 2018 la banca annuncia investimenti per 4,5 miliardi e, contestualmente, risparmi di costi per 1,3 miliardi. In particolare nell’Europa Centrale e dell’Est Unicredit punta a “investire nei mercati in crescita e a razionalizzare la presenza geografica”, aumentando l’allocazione di capitale sull’area dal 23 al 30 per cento. Operazione che non riguarderà la controllata ucraina, che è stata messa in vendita con un impatto negativo di 600 milioni di euro in conto economico.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...